Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Le volte basta cambiare una parola per rendere un classico innovativo. Un prodotto imprescindibile, presente in ogni bottigliera del mondo, con un nuovo di colore diventa rivoluzionario. Questa è la sfida lanciata dal primo Vermouth Dry Rosso, da pochi giorni disponibile sul mercato.

Se non avete mai sentito parlare dei Vermouth Baldoria, la colpa non è vostra. Questi prodotti, creati dai proprietari del celeberrimo bar parigino Little Red Door (che per fare le cose a regola d’arte si sono basati in Piemonte per l’ideazione e la produzione) sono da poco sul mercato, e in Italia stanno muovendo i primi passi. Ma non sembra un caso se già tanti bartender di fama, da Nord a Sud gli hanno già dato il loro endorsement. Dietro al lancio dei primi tre prodotti (la gamma base, rosso, bianco e dry) si cela infatti un progetto molto più ambizioso, che prevede l’entrata sul mercato di un Vermouth Rosè, uno a base di Orange Wine,uno Umami e un Bitter a base di Yerba Mate, oltre ovviamente al sopracittato Dry Rosso.

Prodotti divertenti, ad alto tasso di sperimentazione, che possono permettere di cambiare Cocktail classici in maniera sorprendente.

Dry Rosso ad esempio combina i tannini e le spezie di un vermuth rosso con la parte dry tipica di un bianco. Alla base troviamo una combinazione di uve di nebbiolo e chardonnay Italiano, ed ovviamente una componente di zuccheri di meno di 50 grammi. Tra le botaniche, oltre all’assenzio, spiccano salvia, ibisco, arancia amara, rosmarino, zenzero, sambuco, zafferano e barbabietola.

Ma come utilizzare questo prodotto oltre che in sostituzione di un dry bianco in cocktail come il Martini, il Tuxedo o il Bamboo? Sicuramente si può azzardare in sostituzione di un rosso in Negroni o Manhattan, ma si possono anche azzardare creazioni originali. Abbiamo chiesto a tre celebri bartender di tre città di darci la loro interpretazione, ecco come lo utilizzerebbero Benjamin Cavagna (1930, Milano) Luca Manni (Move On, Firenze) e Mario Farulla (Hotel Chapter, Roma):


Il Marinaio Scannato – Benjamin Cavagna

40ml Bitter Fusetti
30ml Vermouth Dry Rosso Baldoria
15ml Vida del Maguey
7.5ml liquore di koji di caffè

Oliva al tequila

Tecnica stir bicchieri coppetta


Picchi di Baldoria – Luca Manni

 

3cl Vermouth Dry Rosso Baldoria
2cl Campari Bitter
2cl Rye Whiskey
1,5 cl sciroppo al caramello salato
1,5cl soluzione acido citrico e malico

Tecnica: throwing

Bicchiere: coppetta Nick&Nora


Meridiano – Mario Farulla

45ml Ramsbury gin
10ml St Germain
10ml Baldoria Dry rosso

10ml Black olives brine

Stir&strain
Coupette

No Garnish

 

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

17 − 1 =