Pinterest LinkedIn

Diageo, il più grande produttore mondiale di alcolici, chiuderà tutte le sue attività commerciali in Russia entro i prossimi sei mesi. “Il nostro obiettivo rimarrà quello di supportare i nostri dipendenti nella regione e di fornire loro condizioni di lavoro migliorate, assicurandoci al contempo di rispettare le normative locali”, ha affermato un portavoce di Diageo in una nota.

 

 

Poiché le società straniere che cercano di uscire dalla Russia a causa della guerra in Ucraina affrontano la prospettiva dell’approvazione di una legge nelle prossime settimane, che se approvata consentirebbe a Mosca di sequestrare beni e imporre sanzioni penali, molte aziende hanno preferito accelerare la loro partenza.

Nike e Cisco hanno recentemente chiuso tutte le loro attività, il Gruppo Michelin prevede di cederle ad una nuova entità di gestione locale entro la fine dell’anno, mentre Diageo, che ha smesso di spedire e vendere merci in Russia a marzo, manterrà lì una licenza commerciale che richiede la permanenza di un certo numero di dipendenti.

Le scorte di alcolici non russi hanno iniziato a diminuire in Russia, ostacolate dalle sospensioni delle vendite da parte delle principali aziende occidentali e dalle interruzioni della fornitura, lasciando i consumatori russi con meno scelta e prezzi più elevati.

All’inizio di marzo, anche Carlsberg, il principale produttore di birra occidentale del paese, Anheuser-Busch InBev e Heineken, hanno sospeso le vendite in Russia e hanno dichiarato che sono prossimi alla chiusura totale delle loro attività nel paese.

Fonte:
www.reuters.com/business/retail-consumer/diageo-wind-down-russia-operations-spokesperson-2022-06-28/

Scheda e news: Diageo Italia SpA

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (1)

Aperitivo: No. 3 London Dry Gin  - Food is The Key - distribuito in Italia da Pallini

1 Commento

Rispondi a y Cancella la risposta

sette − due =