Carlo Carnevale
| Categoria Notizie Food | 1453 letture

Il ritorno di Eugenio Boer: apre [bu:r] a Milano

Boer Eugenio Boer Milano Luigi Taglienti Eugenio Davide Oldani Guida Michelin [bu:r] Chef Stelle Michelin Comune Di Milano

Milano Boer Luigi Taglienti Stelle Michelin Comune Di Milano Davide Oldani Guida Michelin Chef [bu:r] Eugenio Eugenio Boer

A cura di

© Riproduzione riservata

Si è dissipato il polverone, è tornata la calma e adesso c’è solo da cominciare una nuova avventura. Eugenio Boer torna sulla scena con il suo nuovo ristorante, inaugurato a due passi dal centro di Milano, tra via Mercalli e via San Francesco d’Assisi. Lo fa alla sua maniera, personale e d’impatto, con un menu degustazione concettuale e filosofico, e un’idea di appartenenza a questa nuova realtà, a cominciare dal nome: [bu:r], ovvero la trascrizione fonetica del suo cognome olandese. Come a significare che davvero, e giustamente, è tutto suo. 

Un taglio importante con un passato che di certo gli ha dato enormi soddisfazioni, ma aveva anche sollevato non poche polemiche quando Boer decise di lasciare il ristorante Essenza a poche ora dal brillante conseguimento della stella Michelin. È seguito un periodo di quasi totale assenza dalle scene per lo chef figlio di padre olandese e madre siciliana, un giramondo senza paura di mettersi in gioco nei contesti più vari, da Berlino alla Toscana. Un anno di riflessione e perché no un percorso per ritrovarsi, senza perdere il fuoco necessario per riprendere a dire la propria, stavolta da protagonista assoluto.

[bu:r] è tutto quello che Eugenio può mettere nella sua personalissima vetrina. È contrasto, come si vede dal design del ristorante curato e  interpretato dall’architetto Mario Abruzzese (KICK.OFFICE): la moquette interrotta da pareti ruvide, colori caldi che abbracciano un nero quasi violento, liscio e ruvido, acceso e tenue. È soprattutto concetto, vivissimo, evidente dal menu degustazione che non avrà piatti fissi, piuttosto fornirà spunti di riflessione e ispirazione: suggestioni, idee che cambiano periodicamente e dalle quali scaturisce un percorso proposto dallo chef. Rimarranno alcuni classici (Risotto alla Cenere, il Salmerino di montagna e le sue uova e il Piccione in 3 cotture), insieme a una ventata di freschezza che Eugenio stesso ridipingerà ciclicamente: “Si tratta di una carta che propone un rimando al passato in funzione del futuro con un omaggio ai cuochi che hanno contribuito alla mia formazione, mutevole a seconda delle stagioni e delle diverse emozioni del momento”.

A supportare lo chef in questa nuova avventura c’è una squadra coesa capitanata dal direttore di sala Simone Dimitri, già manager del bistrot del Mandarin Oriental, affiancato dal sommelier Yoel Abarbanel, già in forza alle cantine di ristoranti di grande prestigio internazionale come Taillevent, Ledbury e Le Gavroche. Un team solido e di qualità, ideale per (ri)portare il nome di Boer dove merita, come testimoniano i vari colleghi rinomati presenti all’inaugurazione, su tutti Davide Oldani, Luigi Taglienti e Alessandro Negrini.

E a proposito di concetti, sono tre quelli a cui Boer risponde con una vena ermetica, ma profonda. Emozione: “Tantissima, e si vede”. Filosofia: “Sempre la stessa, quella che mi ha accompagnato da quando ho iniziato. Ma forse con un tocco nuovo: per poter avere successo è necessario non rimanere seduti, ma evolversi, innovarsi”. Progetto: “Progetti, plurale. Mille”. Con una chiosa agrodolce a metà tra passato e futuro: “Finalmente”.

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Santi passione Valpolicella

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Guida Michelin Boer Luigi Taglienti Comune Di Milano Eugenio Boer Davide Oldani [bu:r] Eugenio Stelle Michelin Milano Chef

ARTICOLI COLLEGATI:

San Domenico Imola, due stelle Michelin per due tesori da custodire

San Domenico Imola, due stelle Michelin per due tesori da custodire

02/07/2019 - In una terra che racconta tradizioni e porta avanti usi e costumi secolari, c'è da viaggiare a lungo e ovunque per poter avere un assaggio di ogni dettaglio. L'Italia è u...

Il Luogo di Aimo e Nadia: viaggio nella semantica della cucina italiana che diventa brand

Il Luogo di Aimo e Nadia: viaggio nella semantica della cucina italiana che diventa brand

28/06/2019 - Cos’è un luogo? La definizione si potrebbe accostare in diversi ambiti. Se pensiamo alle coordinate della ristorazione, Il Luogo per eccellenza è quello di Aimo e Nadia. ...

La solidità di Andrea Alfieri al Grand Royal di Courmayeur

La solidità di Andrea Alfieri al Grand Royal di Courmayeur

27/06/2019 - Nel più chiacchierato albergo della vallée non si può certo dire che mancano le proposte gourmet. Adatte a tutte le tasche e per tutti i tipi di target anche quelle propo...

Collet, lo champagne al fianco del miglior ristorante del mondo

Collet, lo champagne al fianco del miglior ristorante del mondo

26/06/2019 - Dietro ogni successo di rilievo, per qualsiasi realtà, si celano elementi che sostengono, promuovono e accompagnano i protagonisti. Siano essi staff, idee, partner. È il ...

World’s 50 Best Restaurants: a Mauro Colagreco l’eredità di Bottura

World’s 50 Best Restaurants: a Mauro Colagreco l’eredità di Bottura

26/06/2019 - And the Award goes to... Lo scettro di Massimo Bottura, che con la sua Osteria Francescana era stato insignito del titolo di miglior ristorante del mondo nel 2016 e 2018,...

Declinazioni colorate per l’estate di Paolo Griffa 

Declinazioni colorate per l’estate di Paolo Griffa 

24/06/2019 - È passato poco più di anno dall’arrivo del talentuoso Paolo Griffa, classe 1991, al Grand Hotel Royal di Courmayeur e, dall’ultima nostra visita, notiamo un’evoluzione d’...

Dal produttore al… ristoratore: Deliveristo, l’app che azzera la filiera

Dal produttore al… ristoratore: Deliveristo, l’app che azzera la filiera

18/06/2019 - Un ponte a campata unica tra produttori e ristoratori. Rapido, smart e di estrema qualità, per abbattere le barriere logistiche e di tempo che spesso non permettono agli ...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

3 − 3 =