Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Un appello a tutti i birrifici, pub e consumatori consapevoli di birra artigianale, per cercare di salvare la IGA, ovvero la Italian Grape Ale, da una possibile modifica del suo nome levando il prefisso “Italian“. A lanciarla è stato Gianriccardo Corbo, cercando un supporto di tutti gli attori della filiera e condivisione per divulgare la notizia e firmare la petizione online sul portale Change.org.

“Da recenti discussioni col BJCP è emerso che ci sono probabilità che venga cambiato il nome delle “Italian Grape Ale” in “Grape Ale” per accogliere i desiderata e l’interesse di altri Paesi che producono birre con mosto d’uva con vitigni non italiani- spiega in un post sul suo profilo FB Gianriccardo Corbo- Ho già esposto le mie ferme contestazioni al comitato delle linee guida agli stili del BJCP oltre che al presidente ma è importante che il movimento italiano esprima la sua contrarietà a questa ipotesi”.

Al momento della pubblicazione di questo articolo hanno firmato la petizione in 339 su 500, sperando che il nostro piccolo aiuto possa servire a raggiungere e superare la quota per cercare di bloccare questo cambio di denominazione in un periodo non certo semplice per il comparto della birra artigianale in Italia. Non si tratta come hanno sottolineato alcuni attenti conoscitori del fenomeno della birra artigianale di una battaglia a prescindere sul concetto di difendere la bandiera dell’italianità, piuttosto quello di preservare la tradizione vitivinicola del nostro paese, fatto di un patrimonio inestimabile di vitigni autoctoni, che con la IGA hanno trovato un connubio davvero importante. Un asset fondamentale anche per sdoganare i confini della birra artigianale fuori dai soliti clichè, uno stile che fonde tutta l’italianità mettendo insieme vino e birra come mai successo prima.

Scarica gratis l'Annuario Microbirrifici
Annuario Microbirrifici

 

TESTO PETIZIONE ONLINE ITALIAN GRAPE ALE

A breve è prevista una nuova versione delle linee guida sullo stile della birra BJCP. Negli ultimi mesi / anni sono stati compiuti sforzi significativi per ottenere il riconoscimento dell’Italian Grape Ale (IGA) come stile di birra all’interno delle linee guida BJCP che menzionano per la prima volta l’IGA nella versione 2015. In questa nuova uscita in arrivo, l’aspettativa dei birrifici / consumatori / pub italiani è di vedere lo stile IGA come pienamente riconosciuto.

BJCP sta attualmente valutando di cambiare il nome di “Italian Grape Ale” in “Grape Ale” al fine di soddisfare la richiesta di altri paesi di produrre e denominare le loro birre con una “Grape Ale” più generica (ad esempio nel caso di varietà di uve diverse da si usano quelli italiani). Sarebbe davvero deludente per il nostro movimento artigiano che negli ultimi anni ha compiuto molti sforzi per ottenere il riconoscimento di questo stile che, in effetti, ha la sua origine nel nostro paese senza dubbi.

IGA è largamente prodotto in Italia (si conoscono più di 200 esempi di IGA), il nome è ampiamente riconosciuto ed è persino incluso nel vocabolario nazionale italiano.

La linea guida di stile BJCP è piena di stili di birra denominati con prefissi geografici come “belga, irlandese, scozzese, inglese, tedesca, americana” e riconosciamo che questo è importante perché sottolinea l’origine dello stile. Rimuovere il prefisso “italiano” significa non riconoscere l’Italia come il paese in cui questo stile è nato e in gran parte prodotto. L’Italia è la vendemmiatrice più grande del mondo ed è anche il Paese dove viene raccolto il maggior numero di vitigni. L’uva è nel nostro sangue e non è semplicemente un frutto … è molto di più. è identità, tradizione, diversità, cultura, famiglia.

L’impegno di BJCP nel riconoscere il valore storico del Paese con tradizioni nella birra è impagabile ed encomiabile. La prima missione di BJCP è “Incoraggia la conoscenza, la comprensione e l’apprezzamento dei diversi stili di birra, idromele e sidro del mondo”. L’IGA è uno stile relativamente nuovo in un Paese della birra relativamente nuovo che sta contribuendo alla conoscenza della birra in Europa. Perdere il riconoscimento BJCP sul nome dello stile (Italian Grape Ale) sarebbe un’enorme perdita per la nostra tradizione birraria, una lacuna nella conoscenza della storia della birra europea che potrebbe influenzare la diversità della birra.

Sappiamo che c’è l’interesse di altri paesi a produrre IGA e che potrebbero non voler chiamare la loro birra IGA a causa del prefisso italiano, ma crediamo fermamente che questo non sia un buon motivo per cancellare l’indicazione geografica dal nome. Ciò cancellerebbe contemporaneamente il credito che il nostro paese ha su questo stile.

Come movimento della birra italiana, chiediamo al BJCP di riconoscere pienamente lo stile IGA nella prossima versione delle linee guida dello stile BJCP. Chiediamo che “Italian Grape Ale” sia riportato come nome di stile sulla linea guida e suggeriamo al BJCP di identificare come “Grape Ale” quelle birre prodotte con uve diverse da uve italiane.

Info: www.change.org/p/bjcp-style-guidelines-commettee-grape-ale-is-italian?recruiter=63493558&recruited_by_id=6bc3f56c-9394-4518-a446-121a3ac7abba&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink&utm_campaign=petition_dashboard

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

diciassette + uno =