Pinterest LinkedIn

Sebbene l’alcol non sia tra le 10 categorie più creative, a differenza delle bibite, rappresenta ancora il maggior giro d’affari nel settore delle bevande. Per conquistare nuovi mercati ma anche per stare al passo con la concorrenza, i produttori hanno cominciato a dimostrare la capacità di innovare. 

Ricette sofisticate e offerte esclusive

A parere di diversi studi, il consumo di bevande alcoliche è in calo in Francia. In crescita, invece, il fatturato del settore. Questo paradosso può essere spiegato con la maggiore ricerca di prodotti esclusivi e premium. Secondo il Global Innovation Report 2019, che ha decifrato le innovazioni alimentari del 2018, la ricerca di prodotti eccezionali o dall’aspetto elitario è una tendenza alla raffinatezza per aumentare il piacere del consumatore.

Il sidro premium Segora di Jardins De L’orbrie, con mele biologiche

Rivisitare le ricette tradizionali, sviluppare bevande che includano prodotti eccezionali… Ogni marchio ha il suo modo di muoversi verso l’alto. Questa è una direzione presa alla fine del 2017 da Aberlour, il marchio leader di whisky di malto scozzesi nella grande distribuzione, quando ha rilasciato una versione premium del suo whisky, invecchiato in tre modi diversi. Per l’azienda francese Jardins De L’orbrie, il posizionamento premium dipende soprattutto dalla scelta degli ingredienti. Nel suo sidro premium Segora, le mele utilizzate sono “mele da mangiare” e anche biologiche! Il risultato finale è più fruttato rispetto ai sidri tradizionali e consente al marchio di posizionarsi nel segmento di fascia alta. Infatti, il suo carattere naturale e sofisticato ha portato alla sua selezione da parte di SIAL Innovation Paris nel 2018.

Nello stesso anno, la tendenza alla sofisticazione dei prodotti ha rappresentato il 15,4% delle innovazioni alimentari nel mondo.

Mescolare i sensi e condire l’alcol di un tocco esotico

Rappresentando il 28,1% di tutti i nuovi prodotti in uscita nel 2018, la tendenza principale è quella di variare i sensi, ovvero offrire nuovi sapori o forme ai consumatori.

Il segmento della birra è particolarmente ricettivo a questo tipo di innovazione, come la Selecção 1927 – lager di riso giapponese presentata da Super Bock Bebidas in Portogallo. Questa birra, pensata per accompagnare i piatti gastronomici giapponesi, è composta semplicemente da riso e alghe kombu. Un’innovazione che è stata notata e selezionata al SIAL Innovation Paris 2018. Un altro marchio, Lagunitas, ha lanciato a gennaio 2020 una birra rosa contenente bucce d’uva del vitigno francese Petite Syrah, i cui vigneti più grandi si trovano in California. Questo nuovo prodotto sarà rilasciato con il nome Petaluma Fuzz.

Gin Taggiasco Extravergine di Olio Roi, con ginepro e olive taggiasche

Anche nel reparto distillati abbondano nuovi sapori, con la creazione di un liquore al melograno dell’Eva Greek Distillation Company, l’uscita di marzo 2018 di Ricard Plantes fraiches, e il vincitore del Gran Premio SIAL Parigi 2018, il Gin Taggiasco Extravergine del marchio italiano Olio Roi , che propone gin distillato con ginepro e olive taggiasche.

Offrendo sia un nuovo prodotto che nuovi aromi, la spagnola Destilería Siderit ha creato “Milky Vodka”, un alcol sorprendente ottenuto dalla fermentazione degli zuccheri nel latte. La piccola produzione in piccole quantità in bottiglia di vetro la rende anche una bevanda di alta gamma riservata a pochi intenditori.

L’aumento dell’alcol organico

Le birre Bud prodotte con energia elettrica rinnovabile

Pur essendo prodotti di piacere per eccellenza, le bevande alcoliche non sono esenti dal crescente bisogno di naturalità dei consumatori. L’eco-responsabilità è oggi una preoccupazione primaria per molti acquirenti che selezionano prodotti e marchi in base alla loro etica o alla loro capacità di produrre il minor numero possibile di rifiuti. Per soddisfare questa aspettativa, Kronenbourg ha lanciato una variante biologica non filtrata della sua birra 1664 alla fine del 2019. Un’altra mossa significativa, secondo il sito rayon-boissons.com, è avvenuta quando il gruppo AB InBev ha firmato un contratto all’inizio del 2020 di produrre tutte le sue birre Bud (in 13 birrifici dell’Europa occidentale) con elettricità rinnovabile.

Fonte:
www.sialparis.com/Top-Trends/Sectoral-innovations/Alcoholic-drinks-continue-to-innovate

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Nino Negri Vigna Francia - Valtellina Superiore - Vite di Roccia - Segui su Instagram

Scrivi un commento

5 + 17 =