Tag

Cacao

Browsing

Per concedersi la purezza dei sapori del cacao, Barry Callebaut ha ridisegnato la coltivazione, la fermentazione e la tostatura delle fave di cacao. La seconda generazione di cioccolato per design mette “prima il cacao, poi lo zucchero“. Mentre il cioccolato fondente è fatto solo di cacao e zucchero, il cioccolato al latte contiene anche latticini. Con la seconda generazione di cioccolato, Barry Callebaut mira ad accelerare lo sforzo del settore per affrontare le mutevoli preferenze dei consumatori e il desiderio dei consumatori di indulgere in modo più consapevole.

La festa dell’amore è in arrivo e per celebrarla il Maestro Cioccolatiere Alberto Farinelli ha pensato ad una ricetta soffice, morbida e di una golosità assoluta: il Cupcake Innamorato, inno all’ingrediente emblema dell’amore: il cioccolato. Un cupcake ideale per festeggiare l’amore grazie al piacere autentico del cioccolato fondente Perugina GranBlocco.

Nell’anno fiscale 2016/17 (terminato il 31 agosto 2017), il gruppo svizzero Barry Callebaut – leader mondiale nella produzione di cioccolato e cacao di alta qualità – ha aumentato il proprio volume di vendita del + 4,4% a 1,914,311 tonnellate, un valore nettamente superiore al tasso di crescita globale del mercato dolciario di + 0,1%. L’esercizio 2016/17 chiude con un fatturato a 6,8 miliardi di franchi svizzeri ed un utile netto di 285 Milioni.

Che ci fosse interesse sul mondo del cioccolato e della pasticceria ce ne eravamo accorti. Ma pensare a 34.000 visitatori alla seconda edizione del Salon du Chocolat, andato in scena negli spazi del Mi.Co di Milano dal 9 al 12 febbraio, fa davvero impressione. Tantissimi ospiti, una pattuglia di pastry chef, maître chocolatier e chef che hanno animato i palchi della manifestazione con showcooking, dimostrazioni e degustazioni.

Mondelēz International ha pubblicato il primo rapporto di avanzamento sul suo programma di sostenibilità Cocoa Life.  Il documento evidenzia la vasta portata dell’impatto e degli sforzi compiuti finora nelle sei zone di coltivazione del cacao dalle quali l’Azienda si approvvigiona: Ghana, Costa d’Avorio, Indonesia, Repubblica Dominicana, India e Brasile. Nel periodo intercorso tra l’avvio dell’iniziativa nel 2012 e la fine del 2015, Cocoa Life ha raggiunto 76.700 coltivatori in oltre 795 comunità, conferendo in tal modo al programma solide basi e una forte struttura.

Secondo i dati dell’ultimo bilancio, approvato nel novembre scorso, il Gruppo Barry Callebout ha registrato una crescita complessiva del 4,5% del volume delle vendite, portandosi a 1.716.794 Tons. La crescita dell’azienda durante l’anno è stata più favorevole di mercato mondiale dolciario che, secondo Nielsen, ha registrato un calo del 2,7%. Il fatturato è cresciuto del 6,4% portandosi a CHF 6.241 Mn.