Tag

Bitburger

Browsing

Mushlabs, la principale startup biotecnologica tedesca, ha annunciato la collaborazione con Bitburger Brewery Group, uno dei più importanti gruppi di birrifici privati ​​in Germania. Mushlabs, con sede ad Amburgo, ha creato un processo unico e innovativo per coltivare il micelio dei funghi, producendo un ingrediente che secondo la start-up è “ideale” per lo sviluppo di prodotti a base vegetale. Bitburger Brewery Group mira a fornire sottoprodotti della produzione di birra come materie prime che Mushlabs intende valorizzare e utilizzare per coltivare il micelio di funghi commestibili in un processo di fermentazione altamente efficiente. Il micelio verrà usato per distribuire alimenti ricchi di sostanze nutritive e minimamente trasformati. Grazie a questa collaborazione, le due aziende mirano a fornire una possibile soluzione allo spreco di risorse e dare così un contributo all’economia circolare in Europa.

La Germania rappresenta il più importante produttore di birra in Europa e il quinto più grande produttore al mondo con 94 milioni di hl di birra prodotti nel 2018. Ma, contrariamente a quanto accade nella maggioranza degli altri Paesi Europei dove dominano i grandi gruppi birrai internazionali, il quadro produttivo tedesco si presenta molto più diversificato; i grandi produttori mondiali sono presenti, ma non in posizioni di leadership.

Un accordo in esclusiva, siglato a maggio 2016, per la distribuzione di Birra TH. König in Italia da parte di Bitburger e San Geminiano Italia. A Beer Attracion 2017 è ancora tempo di brindare per festeggiare questa collaborazione che sta dando i risultati sperati. Da un lato lato il Gruppo San Geminiano, specializzato nel servizio del canale horeca, insieme a TH. König (Bitburger BrauGruppe), birra premium non filtrata in Germania di cui scopriamo i segreti insieme al mastro birraio Stefan Hanke intervistato in fiera.

La giuria di esperti internazionali del Superior Taste Award non ha avuto dubbi: il gusto della Wernesgrüner 1436 è “degno di nota”. Grazie a questa sua caratteristica, questa birra piena dal gusto abboccato e delicato, prodotta in un birrificio della Sassonia che conta una lunga tradizione birraia, si è guadagnata il riconoscimento Superior Taste Award. L’iniziatore dell’Award è l’International Taste & Quality Institute con sede a Bruxelles.

Un anno di successi per Bitburger Braugruppe: l’impresa familiare ha registrato l’anno scorso un fatturato lordo di circa 787,7 milioni di euro. La società ha versato nel 2014 un totale di 53,4 milioni di euro di tasse sulla birra. La vendita di birra è stata pari a circa 7,2 milioni di ettolitri (hl). La quota maggiore di vendite è stata registrata, come già in passato, dal marchio Bitburger con 3,9 milioni di hl.

Craft Beer: è ora la volta del Bitburger Braugruppe che un anno fa ha iniziato ad operare in questo mercato di nicchia. La passione per la birra e per le innovazioni è stata il motore che ha spinto anzitempo il Bitburger Braugruppe a creare Craftwerk Brewing, un birrificio pilota, unico nel suo genere in tutto il mondo. “Già nel 1991 abbiamo provato diversi tipi di mosti. Sono già venti anni che testiamo e ottimizziamo anno per anno le materie prime, le varianti di gusto e i processi di produzione, a livelli molto alti dal punto di vista tecnico e scientifico”, spiega Martin Rederlechner Sales & Marketing Director South Europe & Latin America. ” I nostri mastri birrai della divisione Prove e Specialità sviluppano nell’impianto di venti ettolitri nuovi procedimenti di macerazione, di fermentazione e di allevamento di lieviti”

Köstritzer continua ad essere il numero uno senza rivali per la schwarzbier e ha registrato nel 2013 un leggero incremento di fatturato. Con una quota di mercato nazionale del segmento delle schwarzbier di circa il 30% (AC Nielsen, commercio al dettaglio di prodotti alimentari e supermarket per bevande 2013) e con la leadership in 13 su 16 land federali, Köstritzer ha dimostrato nuovamente di dominare la categoria. La birra chiara del birrificio Schwarzbierbrauerei, la Köstritzer Edel Pils, ha mantenuto nel 2013 la sua leadership di mercato in ambito Thüringer Pils nel mercato.

Buone notizie per i conoscitori del buon gusto: Köstritzer con la sua Kellerbier (birra ambrata a bassa fermentazione) lancia sul mercato una nuova specialità. A partire da questo momento nella gastronomia (canali horeca) viene servita la birra gradevole dal gusto pieno. Come già nella birra nera, molto popolare in Germania, il birrificio tradizionale anche in questo nuovo prodotto punta sul malto tostato come ingrediente particolare. “Il malto tostato, ricavato dall’orzo, dà alla Kellerbier di colore ambrato il suo aroma caratteristico”. Questo secondo Abrecht Pitschel, amministratore della tecnica della birra nera nella fabbricazione della birra Köstritzer. “Inoltre diamo grande importanza alla fabbricazione della birra solo usando ingredienti affinati come malti speciali e tipi scelti di luppolo.”

bitburger Nel 2012 il mercato della birra in Germania ha perso complessivamente l’1,3 per cento rispetto al 2011. La produzione totale di birra del gruppo Bitburger è invece diminuita solo dello 0,6 per cento, portandosi a 7,49 milioni di ettolitri. La quota di mercato complessiva nel commercio al dettaglio alimentare e GAM è rimasta stabile. I ricavi sono ammontati a circa € 774 milioni. La società ha pagato € 57.2 milioni di imposte sulla birra. Con riferimento specifico al marchio Bitburger, il più importante del gruppo, le vendite nel 2012 si sono incrementate di 43.000 ettolitri (+1,1 per cento) portandosi a più di 4 milioni di ettolitri. Allo stesso tempo, la quota di mercato del marchio Bitburger è cresciuta nei settori alimentare al dettaglio (LEH) e GAM.