Tag

Valdo Spumanti

Browsing

Amor Soli, dal latino ‘Amore per il Territorio’, è un progetto enologico che nasce espressamente per volontà della famiglia Bolla, che, da tre generazioni e quasi un secolo, guida con passione la Valdo, dimostrando il suo grande amore e il profondo rispetto per la propria terra e i suoi preziosi frutti. La salvaguardia dell’ambiente e del territorio, la salute degli individui e della collettività sono per Valdo valori fondamentali, una produzione sostenibile è ormai irrinunciabile per contribuire a proteggere il pianeta e assicurare alle generazioni future un domani migliore e più sicuro.

Ceci n’est pas un Prosecco, Questo Non è un Prosecco”, il titolo della Masterclass che ha visto protagonista Valdo al Fuorisalone per l’Anteprima della Milano Wine Week 2022. La storica cantina di Valdobbiadene, fondata nel 1926 e di proprietà della famiglia Bolla, ha presentato la sua interpretazione del Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG con sei etichette fra Cru, affinamenti in barrique e vecchie annate. La degustazione condotta a quattro mani dalla sommelier e degustatrice Sara Missaglia di Ais Lombardia insieme a Matteo D’Agostino Marketing Manager di Valdo, ha messo in luce spunti interessanti per raccontare un fenomeno come quello del Prosecco evidenziando anche le differenze che ci sono all’interno della denominazione.

Lettere e bollicine. Se non avete ancora scritto la lettera a Babbo Natale, per tutti gli appassionati di spumanti qui potete trovare una buona fonte di ispirazione. A circa una settimana dal Natale e a una decina di giorni abbondanti dal Capodanno, con il nostro Alfabeto delle Bollicine non rimarrete a secco. Lo schema è sempre quello, un piccolo viaggio nel mondo della spumantistica italiana e mondiale, per divertirsi a trovare la bollicina giusta per ogni occasione.  Un alfabeto quello del 2021 che riflette alcuni trend del rosé sempre più in ascesa, di una tradizione italiana sempre più in crescita con Franciacorta, Trentodoc, Alta Langa, Oltrepo’ Pavese, Valdobbiadene sugli scudi, insieme ad altre esperienze come quella delle varietà autoctone, dal più conosciuto Verdicchio, all’Aleatico al Groppello.

In casa Valdo quella appena andata in archivio è stata un’annata buona se parliamo di vendemmia, un 2020 importante e difficile al tempo stesso con il mondo del vino messo a dura prova dal Covid-19. Ne abbiamo parlato con Massimo Poloni, Direttore Generale di Valdo che ci ha illustrato le strategie dell’azienda riassunte in una parola chiave, la multicanalità che ha consentito di reggere l’urto della pandemia e rimanere al top per continuare il percorso di crescita intrapreso. “La sintesi dell’anno Valdo è semplice, dove siamo riusciti ad avere una solida presenza nel canale moderno e in quello tradizionale le cose stanno andando bene o molto bene”.

Fondato nel 1976, nel cuore della Côte des Blancs della Champagne, Nicolas Feuillatte è la più giovane delle grandi case di Champagne, la numero uno in Francia e la terza al mondo. Con il fascino della sua filosofia ‘enchanter la vie’ invita a cogliere ogni attimo per lasciarsi incantare da un’emozione e dalla bellezza, cercando di cogliere il meglio che la vita può offrire.

La ricerca di affinità, di valori comuni e di una storia simile vale anche per i brand, soprattutto per quelli che sono l’espressione e il frutto del lavoro di famiglie che da generazioni si tramandano la passione per il vino.
L’incontro tra le due aziende vitivinicole Valdo e I Magredi, entrambe di proprietà della famiglia fondatrice, con un forte legame con il territorio, le ha portate a celebrare un importante accordo.