Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Metti una sera estiva a Kyoto, nel labirintico quanto suggestivo quartiere di Gion, alla ricerca di un drink rinfrescante e appagante. Qual è la soluzione? Una e una sola: “Nokishita 711”.

Tra i rosseggianti torii scintoisti e i tipici ristoranti izakaya, sorge infatti un cocktail bar rivoluzionario. Il regno del gin, il regno della creatività, il regno del Japan Style. Difficile da trovare quanto straordinario da esplorare. Una vera e propria oasi dedicata alla miscelazione craft nel downtown dell’ex capitale imperiale, che Beverfood.com ha avuto il piacere di visitare all’interno della sua rubrica dedicata al drink tourism “The Drinking Tourist”: una scoperta che ha lasciato chi scrive davvero a bocca aperta.

@The Drinking Tourist

Perché “Nokishita 711 gin & cocktail labo” è molto più di un semplice cocktail bar. Ricorda piuttosto il laboratorio di un alchimista, tra piante profumate, luci soffuse, innovativi bicchieri (tazze da tè incluse!) e un legame intrinseco con la natura. Un autentico tempio del bere bene – sarà forse la sacralità dell’intero Paese a ispirarci – dove gustare drink inusuali, al pari dell’atmosfera generale e dell’esperienza in sé. Con un’attenzione particolare, come si intenderà bene già dal nome, all’infinito universo dei gin. Tutti craft e accuratamente selezionati, tanti dei quali prodotti proprio dal team di “Nokishita” con gli ingredienti bandiera del Sol Levante: dal gin alle foglie di bamboo a quello allo yuzu fino a quello al miso, solo per citare i più curiosi.

“Nokishita 711” è, d’altronde, il frutto della tecnica sopraffina e della smisurata fantasia del maestro distillatore giapponese Tomoiki Sekine, fondatore e proprietario di un locale da provare almeno una volta nella vita insieme a suo fratello gemello “The Roots of all evil” (sempre a Kyoto). Come se non bastassero la location a dir poco peculiare e i drink progressisti preparati da Tomoiki e il suo abile staff, oltre alla lunga ricerca del posto con tanto di improvvisati e gentilissimi accompagnatori locali, ci pensa infatti il momento del conto a rendere questa esperienza di miscelazione unica e sui generis. Da “Nokishita 711” il costo di un cocktail lo decidi tu! Proprio così… Qualcosa di impensabile per tanti, lontanissimo dal contesto italiano. Qualcosa di perfettamente funzionante, efficace e soprattutto ordinario, invece, in quello giapponese.

@The Drinking Tourist

Il giudizio del consumatore diventa così il protagonista assoluto, partorendo una determinata valutazione economica a seconda del gusto, dell’aroma e della presentazione del prodotto di cui ha appena goduto. Nell’era delle recensioni e dei complain, a Kyoto anche il mondo del bar ha invertito da tempo i ruoli di chi sta davanti e chi dietro alla cassa/bancone. Una garanzia e un esame costanti, ma anche un impulso maggiore a premiare materialmente la bontà, l’inventiva e la scenografica presentazione di un drink piuttosto che una scusa per risparmiare sulla sua bellezza e la sua qualità. Benvenuti in Giappone, benvenuti da “Nokishita 711”, benvenuti nel futuro!

@The Drinking Tourist

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)


Rubrica The Drinking Tourist

Viaggiare bevendo, bere viaggiando. Perché un cocktail ha il mondo dentro… e va degustato! The Drinking Tourist è un viaggio senza bandiere tra craft beer, vini e drink all’avanguardia. Un percorso infinito alla scoperta delle realtà alcoliche più rivoluzionarie e interessanti del panorama italiano e internazionale. Di Paese in Paese, di continente in continente, ma in ogni caso sempre con un bicchiere ben stretto in mano.
Articoli del nostro giornalista Giacomo Iacobellis

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

cinque + dieci =