Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

La carne più pregiata al mondo, cucinata secondo la filosofia messicana. Non poteva che chiamarsi WagyuMex: il wagyu incontra la cucina messicana di Lucy Noriega” l’imperdibile cena fusion organizzata lunedì sera presso il noto ristorante fiorentino “Trattoria Dall’Oste”. Un viaggio palatale da Kobe a Guanajuato, un’esperienza appagante che ha portato gli entusiasti commensali prima in Giappone, terra natia del manzo più famoso del pianeta, e poi in Messico, patria della celebre chef Lucy Noriega. Il tutto, senza mai spostarsi però dal cuore di Firenze. 

Dici Lucy Noriega, d’altronde, e non c’è bisogno di tante presentazioni. Con ben 23 anni alle spalle nel campo della gastronomia, la chef messicana si è laureata con lode in alta cucina presso “L’Ecole et Fondation Le Cordon Bleu” per poi lavorare in alcuni tra i ristoranti più facoltosi di Londra: il “Ritz-Carlton”, “Harrods” e “Au Pied de Cochon”. Come se non bastasse, Lucy Noriega è stata anche chef dell’ambasciata del Messico nel Regno Unito, oltre a ricoprire prestigiosissimi incarichi ad personam cucinando per il sultano del Brunei o la regina Elisabetta. Un vero e proprio alfiere, insomma, della cucina mexican style, che di continente in continente persegue il suo personale obiettivo di diffondere l’amore per gli inconfondibili aromi e sapori latinoamericani.

@Il Forchettiere

Non è un caso, dunque, che la cena patrocinata da Trattoria Dall’Oste, Frescobaldi e Tequila Huani sia stata un successone. Perché, chiudendo gli occhi (Beverfood.com ha avuto l’onore di partecipare), ogni ospite è stato subito proiettato oltre i limiti dello spazio e del tempo. Grazie a ingredienti unici, ricercati e genuini, che si sono perfettamente sposati con la carne Wagyu, col pluripremiato Tequila Huani e anche, ovviamente, con gli eccellenti vini del marchio toscano: un Pomino DOC, il Montesodi Castello Nipozzano IGT, il Mormoreto Castello Nipozzano IGT e il Picolit Attems, degni accompagnatori di portate bilanciate, coinvolgenti, appassionanti… Che la stessa Lucy Noriega ha raccontato in esclusiva ai nostri microfoni proprio a margine di questo indimenticabile percorso enogastronomico.

Noriega, partiamo inevitabilmente dalle sue creazioni: ci racconta il menù della serata?
“Innanzitutto devo dire che sono molto contenta del risultato finale. Ho visto tanta soddisfazione tra gli ospiti, con un buon feedback e volti appagati. Il menù prevedeva un primo piatto pensato ad hoc per esaltare il Wagyu: un equilibrio di sapori tra l’acidità del grasso della carne e la freschezza degli altri ingredienti. Poi, un piatto all’insegna dell’affumicatura, dal tono leggero e tale da apprezzare appieno la massima qualità del Wagyu, sempre con un tocco messicano chiaramente. Chiusura con un dolce fuori dai binari che ha lasciato tutti a bocca aperta: aggiungendo il grasso del Wagyu a un dessert si dà infatti quella nota acida che permette di trovare il bilanciamento perfetto”.

@Il Forchettiere

Non solo i suoi piatti, alla Trattoria Dall’Oste ci ha pensato anche il Tequila a farla sentire a casa.
“Il Tequila non deve mai mancare, è sacro (ride, ndr). Abbiamo dato il benvenuto ai commensali proprio con un classico Margarita, con un mix di tamarindo, peperoncino e Tequila Huani, un prodotto eccellente che ha vinto per tre volte il premio come ‘Mejor Agave de México’. Ci tengo a sottolineare la partecipazione di una delle migliori mixologist del Paese, Bere Muñoz, che ha disegnato i cocktail appositamente per questo evento, proponendoli insieme a una degustazione di chicharrón de ribeye come  aperitivo”.

@Il Forchettiere

Era la prima volta che cucinava a Firenze? Com’è stato per lei?
“Era la prima volta che cucinavo in questa bellissima città, anche se c’ero già stata tante volte in vacanza. L’Italia è tutta ‘encantadora’, ma Firenze in particolare ha una magia speciale. Si respira in ogni angolo un’aria romantica e culturale. Non vi nego che quando passo dal vostro Paese ormai Firenze è diventata una tappa obbligatoria”.

Come definirebbe la sua cucina?
“La mia cucina è autentica, d’autore, con spiccate note messicane, riadattate però a una fusione di tecniche e differenti specialità. Una cucina, direi, molto facile da apprezzare e con una grande esplosione di sapori”.

@Il Forchettiere

Frutto delle sue tantissime esperienze, dalle strutture di lusso al ruolo di chef privata per personaggi illustri quali il sultano del Brunei o la regina Elisabetta.
“Definisco sempre la mia carriera come una collezione di tanti momenti magici. Ogni esperienza mi ha dato qualcosa sia a livello umano che professionale, ha fatto evolvere i miei piatti e la mia filosofia dietro ai fornelli. Oggi sono felice di poter viaggiare il mondo portando questo mix di idee e di espressioni, fiera di rappresentare a testa alta il mio amato Messico e soprattutto il mio stato d’appartenenza, Guanajuato”.

Di Paese in Paese, la sua cucina ha conquistato i palati di migliaia di persone da ogni parte del globo. Qual è l’ingrediente che non deve mai mancare?
“La passione e l’orgoglio nel voler mostrare sempre un pezzettino di Messico. Oltre al Tequila, come detto prima, nello specifico non possono mancare l’esplosività del peperoncino e le grandi creazioni dei piatti tradizionali, rivisitati però con un punto di vista differente per garantire loro un gusto unico”.

@Il Forchettiere

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)


Rubrica The Drinking Tourist

Viaggiare bevendo, bere viaggiando. Perché un cocktail ha il mondo dentro… e va degustato! The Drinking Tourist è un viaggio senza bandiere tra craft beer, vini e drink all’avanguardia. Un percorso infinito alla scoperta delle realtà alcoliche più rivoluzionarie e interessanti del panorama italiano e internazionale. Di Paese in Paese, di continente in continente, ma in ogni caso sempre con un bicchiere ben stretto in mano.
Articoli del nostro giornalista Giacomo Iacobellis

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

17 − quattordici =